Come partecipare

Vendite immobiliari

Come assistere alla vendita - Aste Telematiche Come assistere alla vendita - Aste Telematiche Come assistere alla vendita - Aste Telematiche

Vendite immobiliari che seguono le regole del codice di procedura civile

Il D.M. 32/2015 individua le regole tecniche ed operative per lo svolgimento delle aste in modalità telematica nei casi previsti dal codice di procedura civile. L'offerta per la vendita telematica è redatta e cifrata mediante un modulo web denominato “Offerta telematica” realizzato dal Ministero della Giustizia e messo a disposizione dal gestore della vendita tramite il portale di vendita accreditato per l’interoperabilità con il sistema ministeriale.
Per partecipare alla vendita è essenziale:

Per presentare l’offerta per via telematica, ad oggi l’offerente deve disporre almeno di una casella di posta elettronica certificata (PEC) e di un dispositivo di firma digitale. La PEC e il dispositivo di firma digitale possono essere richiesti anche alla Società tramite l’apposita funzione presente nell’area riservata della piattaforma www.astetelematiche.it , previa registrazione gratuita al servizio.

Al termine della registrazione, il sistema rilascerà la coppia di credenziali personali (username e password), necessari per l’accesso all’area riservata.

Per partecipare alla vendita è richiesto di versare anticipatamente la cauzione per l’importo indicato in avviso, effettuando un bonifico bancario sul conto corrente indicato nella documentazione formale della vendita, entro la tempistica prevista. Nella causale del bonifico deve essere indicata la dicitura riportata all’interno del bando di vendita.
Dopo avere effettuato il pagamento, è importante tenere a portata di mano gli estremi del bonifico effettuato (es. numero di riferimento della transazione, ovvero CRO/TRN) e la ricevuta di disposizione del bonifico in formato elettronico da allegare alla domanda di partecipazione alla gara.

La presentazione dell’offerta avviene tramite un modulo web denominato “Offerta telematica” messo a disposizione in un’area del Portale ministeriale delle Vendite Pubbliche https://pvp.giustizia.it, secondo le indicazioni riportate all’interno del manuale utente redatto dal Ministero della Giustizia.
L’accesso al modulo web “offerta telematica” viene effettuato tramite un apposito link presente sulla scheda informativa del lotto di interesse pubblicata sul portale del gestore della vendita telematica incaricato.
Tramite i vari step presenti sul modulo web occorre inserire i dati anagrafici e di contatto del presentatore e degli offerenti, oltre alle quote e titoli di partecipazione, nonché i dati relativi all’offerta ed alla cauzione versata. Occorre altresì caricare la documentazione da presentare in allegato all’offerta e sottoscrivere digitalmente l’offerta integrale.
Terminati tutti i passaggi richiesti in fase di redazione dell’offerta telematica, occorre attendere che il Portale ministeriale rilasci il messaggio "l'offerta è stata inserita correttamente" e trasmetta all’indirizzo di posta elettronica ordinaria o alla PEC dell’offerente (in base alla scelta effettuata al momento della redazione dell’offerta) una mail contenente il link per il recupero del file denominato “offerta_xxxxxxxxxx.zip.p7m”.
Affinché l’offerta possa considerarsi presentata e sia validata tecnicamente, occorre aver cura di non arrecare alcun tipo di alterazione o modifica al file denominato “offerta_xxxxxxxxxx.zip.p7m” e trasmetterlo dalla PEC indicata in fase di redazione dell’offerta alla PEC del ministero offertapvp.dgsia@giustiziacert.it, unitamente alla ricevuta xml di avvenuto pagamento del bollo digitale (salvo il caso di esenzione ai sensi del D.P.R. 447/2000). Tale pagamento va effettuato tramite il Portale dei Servizi Telematici - PST - http://pst.giustizia.it accedendo al servizio “Pagamenti pagoPA” presente nell’area pubblica del portale e, successivamente, cliccando su “Bollo su documento”.
L'offerta si intende depositata nel momento in cui viene generata la ricevuta completa di avvenuta consegna da parte del gestore di posta elettronica certificata del Ministero della Giustizia.

Al fine di garantire la segretezza delle offerte telematiche presentate, le stesse vengono decifrate dal Ministero in maniera automatica ed inviate al gestore della vendita telematica in un lasso temporale che va tra 180 minuti e 120 minuti prima dell'orario fissato per l'inizio delle operazioni di vendita.
Almeno 30 minuti prima dell’inizio delle operazioni di vendita il gestore della vendita telematica invia ad ogni offerente sulla casella PEC utilizzata per l’invio dell’offerta, un codice univoco personale per poter partecipare all’esperimento di vendita.
La partecipazione alle operazioni di vendita telematica avviene accedendo, tramite username e password, all’area riservata del sito www.astetelematiche.it , da cui si potrà inserire il codice univoco ricevuto per accedere alla cd. aula virtuale. Pertanto, laddove l’utente non fosse registrato, è necessario che vi provveda tempestivamente.
Effettuato l’accesso alla consolle di gara, l’offerente ha la possibilità di prendere visione della busta contenente la propria offerta, visualizzare gli eventi che si susseguono durante la fase di deliberazione sulle offerte, scambiare messaggi con il referente della procedura, visualizzare la cronologia delle offerte presentate per quella determinata vendita ed effettuare i propri rilanci.
Ogni offerente viene visualizzato dagli altri offerenti tramite uno pseudonimo al fine di garantire l'anonimato, mentre il giudice e/o il responsabile della procedura visualizzano sulla propria consolle di vendita tutti i partecipanti con l’indicazione in chiaro delle effettive generalità.
Il referente della procedura procede alla deliberazione sulle offerte presentate, previa verifica di tutte le condizioni necessarie, tra cui: la corretta compilazione dell’offerta con tutte le indicazioni previste dall’art. 12 del D.M. 32/2015, la presenza della documentazione da allegare all’offerta prevista dal bando, nonché il positivo riscontro dell’effettivo accredito della cauzione. In caso di più offerte valide, il referente della procedura avvia la gara tra gli offerenti secondo la modalità prevista dal bando.
Terminata la gara, i partecipanti vengono notiziati dell’esito della stessa secondo le modalità e tempistiche indicate in avviso.
L’utente che ha effettuato l'offerta più alta si aggiudica provvisoriamente il bene.
L’aggiudicazione definitiva viene decretata a seguito del versamento del saldo del prezzo e degli ulteriori oneri quali ad esempio le tasse, le imposte, i diritti d’asta, al netto della cauzione versata, che viene trattenuta in conto prezzo.
In assenza, è dichiarata la decadenza dell’aggiudicatario e la cauzione versata viene trattenuta a titolo di penale.
Il trasferimento della proprietà degli immobili avviene a mezzo decreto emesso dal Giudice oppure tramite rogito notarile, in base alle indicazioni presenti in avviso o alla comunicazione del responsabile della vendita.

Terminata la vendita, entro il termine indicato nell’avviso, l’utente non aggiudicatario riceve il riaccredito della cauzione esclusivamente sul conto corrente da cui è pervenuto il bonifico.

Vendite immobiliari che non seguono le regole del codice di procedura civile

Nonostante la Legge n. 132/2015 abbia nuovamente apportato modifiche alle modalità di gestione della fase liquidatoria delle procedure concorsuali, trasferendo le innovazioni apportate al codice di rito alla disciplina prevista per le vendite concorsuali, alcune vendite telematiche immobiliari rimangono escluse dalle regole tecniche e operative previste dal D.M. n. 32/2015.
In questi casi, per partecipare alla vendita è necessario:

Per accedere alla consolle di gara è necessario essere registrati al portale www.astetelematiche.it.
Possono registrarsi al servizio solo gli utenti che hanno compiuto 18 anni di età.
Durante le fasi di registrazione, l’utente potrà scegliere la coppia di credenziali personali (username e password), necessari per accedere alla propria area riservata.

Per presentare l’offerta o la domanda di partecipazione alla vendita è richiesto di versare anticipatamente la cauzione per l’importo indicato in avviso e tramite una delle modalità previste.

Per presentare l’offerta/domanda è necessario accedere alla propria area riservata, scegliere l’asta di interesse e selezionare il pulsante “Partecipa”.
Tale selezione permette l’inserimento dei dati dell’offerente e del documento di identità, nonché dei dati di partecipazione e dell’eventuale documentazione necessaria, secondo le modalità ed entro la scadenza precisate nel bando d’asta.

In base alle tempistiche indicate nel bando, il referente della procedura effettua, tramite il portale www.astetelematiche.it, l’esame delle offerte/domande e procede alla validazione di quelle presentate correttamente.
In caso di più offerte valide, il referente della procedura avvia la gara partendo dall'offerta più alta.
Da questo momento, i presentatori delle offerte ritenute valide possono partecipare alla gara telematica, visualizzare la cronologia delle offerte presentate per quella determinata vendita ed effettuare i propri rilanci.
Ogni utente viene visualizzato tramite uno pseudonimo al fine di garantire l'anonimato rispetto agli altri partecipanti, mentre il referente della procedura visualizza sulla propria consolle di vendita tutti i partecipanti con l’indicazione in chiaro delle effettive generalità.
Se previsto in avviso, il termine della vendita può prolungarsi automaticamente ove vi siano rilanci nell’ultimo periodo di gara.
Terminata la gara o il periodo di auto estensione della stessa, i partecipanti vengono notiziati dell’esito della gara come indicato in avviso.
L’utente che ha effettuato l'offerta più alta si aggiudica provvisoriamente il bene.
L’aggiudicazione definitiva viene decretata a seguito del versamento del saldo del prezzo e degli ulteriori oneri quali ad esempio le tasse, le imposte, i diritti d’asta, al netto della cauzione versata, che viene trattenuta in conto prezzo.
In assenza, è dichiarata la decadenza dell’aggiudicatario e la cauzione versata viene trattenuta a titolo di penale.
Il trasferimento della proprietà degli immobili avviene a mezzo decreto emesso dal Giudice oppure tramite rogito notarile, in base alle indicazioni presenti in avviso o alla comunicazione del referente della procedura.

Terminata la vendita, entro il termine indicato nell’avviso, l’utente non aggiudicatario riceve il riaccredito della cauzione. Nel caso in cui la cauzione sia stata versata tramite bonifico, la stessa verrà riaccreditata esclusivamente sul conto corrente da cui è pervenuto il bonifico.

Vendite mobiliari

Come assistere alla vendita - Aste Telematiche Come assistere alla vendita - Aste Telematiche Come assistere alla vendita - Aste Telematiche

Il D.M. 32/2015 individua le regole tecniche e operative per lo svolgimento delle aste telematiche nei casi previsti dal codice di procedura civile.
Per partecipare alle vendite telematiche di beni mobili occorre:

Gli utenti interessati alla partecipazione devono registrarsi sul portale del gestore della vendita telematica fornendo i dati identificativi, il codice fiscale, un indirizzo di posta elettronica anche ordinaria per le comunicazioni del gestore, il luogo in cui intende ricevere le comunicazioni di cancelleria, il recapito di telefonia mobile.
Al termine della procedura di registrazione all’utente è richiesto di generare la coppia di credenziali personali di accesso all’area riservata.

Per partecipare alla vendita è richiesto di versare anticipatamente la cauzione per l’importo indicato in avviso. La cauzione è prestata con sistemi telematici di pagamento ovvero con carte di debito, di credito o prepagate, nonché con altri mezzi di pagamento con moneta elettronica disponibili nei circuiti bancari e postali.
Nel caso in cui la cauzione sia versata tramite bonifico bancario sul c/c indicato nella documentazione formale della vendita, l’offerente deve indicare nella causale le informazioni riportate in avviso.
Nel caso in cui il versamento venga effettuato tramite carta di credito, tale attività deve essere compiuta direttamente sul sito www.astetelematiche.it, seguendo la procedura guidata messa a disposizione dal sito.
Quando sono fissate modalità di versamento della cauzione che consentono al gestore di verificare l’effettivo pagamento con modalità automatizzate, la registrazione può essere effettuata nell'ambito del lasso temporale stabilito per la presentazione delle offerte. Nel caso in cui questo non sia possibile, la registrazione e il versamento della cauzione devono essere effettuati almeno cinque giorni prima dell'inizio delle operazioni di vendita.
Il gestore abilita a partecipare alla gara gli offerenti che hanno effettivamente versato la cauzione.

Per presentare l’offerta è necessario che l’utente si iscriva alla gara e che attenda il cd. “codice di partecipazione” (CP) generato dal sistema.
L'offerta è presentata indicando: l'ufficio giudiziario presso il quale pende la procedura; l'anno e il numero di ruolo generale della procedura; il numero o altro dato identificativo del lotto; la descrizione del bene; l'indicazione del referente della procedura; il prezzo offerto; l'importo della cauzione prestata.
Nelle vendite senza incanto, il sistema genera l’offerta che gli utenti devono sottoscrivere. Tale sottoscrizione non è prevista nelle vendite con incanto.

Nel corso della gara agli offerenti non è consentito di prendere visione delle informazioni relative agli altri partecipanti.
Entro il secondo giorno successivo alla chiusura della gara, il gestore trasmette al referente della procedura l'elenco delle offerte e i dati identificativi di coloro che le hanno effettuate. Deve altresì comunicare e documentare, nel caso di vendita senza incanto, gli estremi dei conti bancari o postali sui quali sono state addebitate le cauzioni, l’accredito sul conto corrente bancario o postale vincolato al referente della procedura la cauzione versata da colui che ha formulato l'offerta più alta, lo svincolo delle cauzioni prestate dagli altri offerenti, nonché la restituzione delle cauzioni dagli stessi versate mediante l’accredito sui conti bancari o postali di provenienza.

Nelle vendite dei beni mobili, l’aggiudicatario che ha versato il saldo prezzo e gli oneri previsti, ritira il bene nel luogo di custodia, secondo le tempistiche e modalità indicate in avviso, nella scheda del bene o comunicate dal responsabile della vendita, previa richiesta di appuntamento.
Se previsto, i beni possono essere spediti tramite corriere a spese dell’aggiudicatario, in modo assicurato o meno per l’importo di vendita. La richiesta di spedizione, per determinati beni, può essere effettuata dall’utente tramite la piattaforma www.astetelematiche.it, previa autenticazione con le proprie credenziali (username e password) ed utilizzando l’apposita voce di menu.